“La Bottega della pizza: un sistema per l’occupabilità” è una delle sette Botteghe promosse da Ascla “La Bottega della pizza: un sistema per l’occupabilità” è una delle sette Botteghe promosse da Ascla

Convegno “Io lavoro in bottega” In evidenza

Oltre 1.700 giovani disoccupati under 35 potranno avviare un tirocinio in tutta la Penisola all’interno di una delle 177 Botteghe di Mestiere e dell’Innovazione promosse da Italia Lavoro. Le “Botteghe” sono frutto del raggruppamento settoriale, di filiera o di artigianato digitale di circa 1.700 aziende appartenenti al made in Italy scelte tra le cinquemila che si sono candidate con più di 900 progetti.

L’iniziativa sarà presentata venerdì 1 luglio 2016 alle 19 presso la Dimora del Lavoro di Salve, sulla S.S. 274, alla presenza di Sebastiano Leo, assessore Formazione e Lavoro della Regione Puglia, e Domenico Bova, responsabile Area “Politiche per l’Occupazione e lo Sviluppo Economico” di Italia Lavoro.
L’appuntamento sarà preceduto dai saluti del sindaco di Salve, Vincenzo Passaseo, e moderato da Giuseppe Negro, presidente di Associazione Scuole e Lavoro (Ascla).

L’Ascla, che gestisce la Dimora del Lavoro di Salve - bene confiscato alla criminalità organizzata in procinto di essere destinato al recupero e al reinserimento dei giovani nel mondo del lavoro -, in quella occasione illustrerà le 7 “Botteghe” che la vedono quale soggetto promotore e che coinvolgono 65 aziende salentine nei seguenti comparti: gastronomia, ristorazione, pasticceria, lattiero-caseario, vitivinicolo, agriturismo, calzaturiero. La Bottega del calzaturiero, in particolare, è stata realizzata in stretta collaborazione con il Politecnico del Made in Italy.

Alle “Botteghe” possono candidarsi 70 tirocinanti che percepiranno una borsa mensile di 500 euro lordi e, imparando una professione dell’artigianato tipico, si candideranno a diventare protagonisti del ricambio generazionale in settori strategici dell’economia italiana.

 

Kleos Tv