Le luminarie di Scorrano, paese in provincia di Lecce noto per la grande tradizione di illuminazioni votive Le luminarie di Scorrano, paese in provincia di Lecce noto per la grande tradizione di illuminazioni votive

Puglia, bando per diventare guida turistica In evidenza

La Regione Puglia ha approvato il Bando di concorso per il conseguimento dell’abilitazione all’esercizio della professione di guida turistica e accompagnatore turistico (deliberazione di Giunta Regionale n.1510 del 28 settembre 2016).

Ecco i requisiti per candidarsi:
diploma di istruzione secondaria di secondo grado (quinquennale) o di diploma conseguito all’estero per il quale sia stata valutata la corrispondenza dalla competente autorità italiana;
• esame in almeno una lingua straniera a scelta del candidato (chi ha già conseguito l’abilitazione in passato, deve sostenere l’esame, solo orale, di lingua straniera).

Saranno tenute in considerazione le competenze specialistiche già maturate dai concorrenti in materia di turismo, architettura, archeologia, storia dell’arte e del territorio e altre materie affini, competenze documentate da percorsi formativi e da esperienze professionali specifiche.
L’esame consisterà in una prova scritta (con quesiti a risposta multipla) e in una prova orale.

Domanda di ammissione solo online
La domanda di ammissione all’esame di abilitazione deve essere presentata, con modalità esclusivamente telematica alla Regione Puglia, attraverso la piattaforma www.bandiregionaliturismo.viaggiareinpuglia.it a partire dall’11 ottobre 2016 ed entro e non oltre il 10 novembre 2016.

Soddisfazione da parte dell’assessore all’Industria turistica e culturale della Regione Puglia, Loredana Capone, che commenta così l’approvazione del Bando: «Il racconto del territorio, della sua storia, delle sue tradizioni, delle bellezze naturali e delle curiosità enogastronomiche è oggi strategico per l’accoglienza dei turisti e per la loro capacità di vivere una esperienza di viaggio soddisfacente ed emozionante. A raccontare il territorio – continua l’assessore - sono soprattutto le guide e gli accompagnatori turistici che devono quindi avere una professionalità specifica, anche perché se i turisti avranno avuto un approccio positivo potranno poi a loro volta raccontare la Puglia sui social o con il passa parola. Ecco perché vi era tanta attesa per l’approvazione di un Bando regionale che finalmente riordinasse il quadro delle competenze professionali richieste per tali mestieri».

Un’attesa lunga dipesa soprattutto dal quadro normativo incerto venutosi a creare in seguito al riordino delle funzioni delle Province, sotto il cui cappello rientrava l’abilitazione delle nuove guide turistiche fino all’entrata in vigore della legge Delrio. Adesso, finalmente, con la legge regionale n. 9 del 27 maggio 2016 la Regione Puglia ha avocato a sé le competenze amministrative in materia di attività professionali turistiche.

Kleos Tv